Autorizzata a masturbarsi sul luogo di lavoro


Dopo una lunga querelle legale durata oltre due anni, il tribunale del lavoro di Vila Velha, nello stato dell'Espírito Santo,Brasile, ha riconosciuto a Ana Catarina Silvares Bezerrauna malattia di tipo sessuale che la costringe a ricercare l'orgasmo svariate volte durante la giornata. Alla luce di questo riconoscimento la Corte brasiliana ha stabilito che la donna ha diritto ad una pausa di 15 minuti ogni due ore per guardare materiale pornografico attraverso il proprio computer aziendale .

Al quotidiano carioca North Regiao la donna ha raccontato che è arrivata a masturbarsi anche per quasi 50 volte al giorno. Secondo il Journal of Sexual Medicine la malattia di cui è afflitta la donna brasiliana, contabile trentaseienne e madre di tre figli, si chiama «sindrome di eccitazione genitale persistente». Ad oggi non si conoscono le cause di questo disturbo e non esiste neppure una cura che riesca a frenare efficacemente l’eccitazione. Il punto è che se l'eccitazione genitale non è soddisfatta, il paziente è soggetto a forti crisi depressive e a continui stati d'ansia. Con l'ausilio di una massiccia dose giornaliera di tranquillanti la trentaseienne brasiliana è riuscita a limitare i danni e a contenere il suo stato d’ansia arrivando a masturbarsi «solo» una ventina di volte al giorno contro le quasi cinquanta del passato.

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...